MISSIONE IN SENEGAL E COSTA D’AVORIO DAL 3 ALL’8 APRILE

abidjan-300x169Tornano le missioni business di Omnibus focalizzate da una parte sui nuovi mercati di sbocco dell’export italiano di ortofrutta e dall’altra sui potenziali Paesi fornitori, in particolare di prodotti tropicali e di varietà di ortaggi e frutta disponibili in periodi di assenza o scarsità del prodotto di origine italiana. La stagione delle missioni 2017, orientate su Africa Sub-Sahariana, Scandinavia e India, si apre a inizio aprile con un focus su due Paesi dell’Africa Occidentale: Senegal e Costa d’Avorio. 

La prima missione 2017 ha una partenza prevista per il pomeriggio di lunedì 3 aprile e rientro nel pomeriggio di sabato 8 aprile. Destinazione di arrivo, nello stesso 3 aprile: Dakar, dove per tutto martedì 4 aprile sono previsti incontri e visite a importatori e all’Associazione nazionale degli esportatori ed importatori di ortofrutta del Senegal. Mercoledì 5 e la mattina di giovedì 6 sono previste visite ad aziende di produzione e magazzini fuori Dakar. Trasferimento aereo nel pomeriggio ad Abidjan, la capitale della Costa d’Avorio dove la stessa sera di giovedì è prevista una cena d’affari con importatori ed esportatori ivoriani. Venerdì 7 è in programma un’intesa giornata di visite e incontri fuori Abidjan.

Il Senegal è diventato un importante hub del commercio ortofrutticolo in Africa Occidentale, con scambi con gli altri Paesi francofoni dell’area e con la Nigeria. Interessante è che sia uno dei pochissimi Paesi dell’Africa a Sud del Sahara ad acquistare e apprezzare le mele a buccia gialla come la Golden Delicious; è anche un importatore di kiwi dalle buone potenzialità. L’interscambio con l’Italia può crescere largamente. D’altre parte il Senegal produce ed esporta mango (oltre 10 mila tonnellate spedite in Europa nel 2016 su una produzione di 250 mila), avocado, ananas, ortaggi ed è sede di importanti iniziative di cooperazione agricola con l’Italia (noto è il caso della produzione senegalese di meloni da parte dell’azienda Francescon). 

La Costa d’Avorio vanta una grande tradizione per l’ananas, un prodotto (un tempo completamente in mano ai francesi) che oggi, dopo un periodo di crisi, è in recupero. Il Paese produce anche mango, avocado e ortaggi e ha formato una ristretta classe di importatori ed esportatori professionali di consolidata esperienza.

Clicca qui per scoprire il programma dettagliato.

« INDIETRO